Non ci sono prodotti nel carrello.

Othmar Spann

La scienza dell’intero

di Mario Conetti, Giovanni Franchi, Giovanni Gobber, Andrea Millefiorini, J. Hanns Pichler, Giorgio Salzano

16.00

Il filosofo viennese Othmar Spann (1878-1950) non è stato soltanto un intellettuale “militante”, il discusso e influente teorico di un ordinamento cetuale nell’epoca della prima grande crisi del capitalismo mondiale e dei sistemi costituzionali liberaldemocratici sorti con la rivoluzione francese – protagonista, con l’opera Der wahre Staat (1921), della cosiddetta “rivoluzione conservatrice” e irriducibile avversario sia del totalitarismo comunista che, in seguito, di quello nazista -. Spann è stato anche uno dei principali scienziati sociali ed economisti del suo tempo, che si è confrontato e spesso ha polemizzato con i più importanti nomi del momento (dai neokantiani a Simmel e Spengler, da Kelsen ai marginalisti e ai gesuiti “solidaristi”) su fondamentali questioni legate alla natura della società e al rapporto tra stato ed economia, teorizzando, ad esempio, un modello istituzionale fortemente decentrato che anticipa il principio di sussidiarietà dell’enciclica Quadragesimo anno. Se il novecento è stato il secolo di Max Weber – con la sua concezione della secolarizzazione come “disincantamento del mondo” e “politeismo dei valori” – allora Spann, che di Weber e dei suoi allievi è stato fin da subito un risoluto avversario, con il suo lavoro ha voluto, al contrario, rifondare le scienze della società e della politica sul concetto antiriduzionista, di origine aristotelica, di intero (Ganze), e su quello di interezza (Ganzheit). La dottrina spanniana dell’“universalismo” introduce un approccio metafisico e realista nelle scienze dell’uomo (sociologia, economia politica, politologia e dottrina dello stato, scienze filosofiche e della religione ecc.), in grado di unificarle e riagganciarle nuovamente al Principio Primo dell’ordine. Dal punto di vista epistemologico l’opera di Spann rappresenta infatti ancora oggi uno dei tentativi più originali e profondi di critica dei presupposti ideologici della modernità – un ritorno, aggiornato ai tempi, al metodo dei classici e della scolastica, già prima di Maritain, Voegelin, Arendt, Strauss o MacIntyre -, e un fecondo legato per il futuro della cultura scientifica dell’Occidente.

Giovanni Franchi (Roma 1967) è ricercatore confermato di Filosofia politica presso l’Università degli Studi di Teramo, dove attualmente insegna Teoria della politica. Studioso di Eric Voegelin, Alois Dempf e dell’etica sociale cattolica del XX secolo (Johannes Messner, Arthur-Fridolin Utz), ha pubblicato il primo saggio monografico su Othmar Spann apparso in Italia La filosofia sociale di Othmar Spann (Jouvence 2002). Tra i suoi ultimi lavori: Bonum Ordinis – Studi di etica sociale e della cultura (Nuova Cultura 2011).

Email

Additional Information

ISBN Cartaceo9788861348042
Anno di edizione2012
Pagine194
Dimensioni24 x 17 x 24 cm
Peso0.351 Kg
ColoreB/N

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “Othmar Spann”