Non ci sono prodotti nel carrello.
9788861346437_1308209088

Mosaici identitari

Dagli italiani a Vancouver alla kreppa islandese

di Tiziana Banini

€20.00

In un momento storico come quello attuale, in cui gli intensi flussi di relazione reali e virtuali, l’aumentata mobilità delle persone, le pluriappartenenze che connotano l’esistenza degli individui, la globalizzazione dei locali, la crisi dei riferimenti sociali e politici tradizionali rendono necessaria la ridefinizione in senso complesso, dinamico e processuale del concetto di identità, la coordinata spazio assume particolare rilievo. Attraverso tale prospettiva emerge l’importanza delle specificità continuamente prodotte e sedimentate sul territorio ed è possibile conferire nuovo significato al legame che inevitabilmente intercorre tra le collettività e i luoghi, nonostante il presunto e declamato sradicamento da essi.

Il tema dell’identità territoriale ha attraversato l’intera tradizione di studi geografici, sebbene in riferimento ad altre categorie concettuali, quali il paesaggio, la regione, lo spazio vissuto. Le specificità materiali e immateriali del territorio, così come le relazioni che intercorrono tra collettività e luoghi, in termini di senso di appartenenza, legame affettivo, rappresentazione simbolica, costituiscono rinnovato motivo di interesse per la disciplina, ma assumono anche la configurazione di una sfida scientifica.

La rielaborazione in senso geografico del concetto di identità può costituire infatti un contraltare alle tante posizioni ad esso contrarie, affinché si continui ad attribuire rilievo sia alla diversità culturale e territoriale, fondamentale al pari della biodiversità, sia alla dimensione esistenziale delle collettività locali, per le quali è auspicabile il ripristino delle relazioni con il territorio e per il territorio.

Il volume raccoglie i contributi in itinere del Gruppo Nazionale di Ricerca A.Ge.I. (Associazione dei Geografi Italiani) “Identità Territoriali” su questo tema così complesso e controverso, mostrando come la questione identitaria assuma connotazioni diverse a seconda delle declinazioni tematiche e contestuali a cui viene riferita, e quanto il concetto di scala territoriale, implicito nel ragionamento geografico, sia utile per ricondurre il dibattito sulle identità collettive entro coordinate realistiche e prive di pregiudizio.

Tiziana Banini (1961) è docente di Geografia ambientale e Geografia culturale presso la Facoltà di Filosofia, Lettere, Scienze Umanistiche e Studi Orientali di Sapienza – Università di Roma. Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Gestione e Valorizzazione del Territorio, Coordinatrice nazionale del Gruppo di Ricerca A.Ge.I. (Associazione dei Geografi Italiani) “Identità territoriali”, i suoi interessi di ricerca vertono, in particolare, sulle relazioni tra natura e cultura e sui processi di integrazione sociale e socio-ambientale.

Email

Anteprima del volume disponibile su Google Books

Informazioni aggiuntive

ISBN Cartaceo9788861346437
Anno di edizione2011
Pagine286
Dimensioni24 x 17 cm
Peso0.491 Kg
ColoreB/N

1 recensione per Mosaici identitari

  1. Recensioni e Commenti
    5 di 5

    :

    “Con l’affermarsi dell’approccio culturalista, le tematiche legate al lemma identità rappresentano sempre un campo minato, un oggetto di studio da maneggiare con cura, per non incorrere nel rischio di essere interpretati come passatisti o peggio reazionari. La declinazione territoriale di questa parola le ha ridato slancio in una connotazione pluridimensionale al punto tale da risultare particolarmente inflazionata nella retorica della programmazione locale degli ultimi anni.”

    Leggi la recensione completa pubblicata da Fabio Amato sul bollettino della Società Geografica Italiana: recensione “Mosaici identitari”

Aggiungi una recensione